Chirurgia Bariatrica: operazioni

In questa sezione del sito sono riportati in dettaglio gli interventi eseguiti dal Dottor Fabrizio Bellini.

Il Dottore è specializzato in interventi chirurgici correttivi per combattere l'obesità.

Gli interventi di Chirurgia bariatrica

riduzione chirurgica stomaco

Si possono fondamentalmente suddividere in tre gruppi:

- Interventi restrittivi: si dimagrisce perché si è "costretti" a mangiare meno, ad esempio il Bendaggio Gastrico, dove il cibo transita solo se ben masticato

- Interventi malassorbitivi: si dimagrisce perché ciò che si mangia non viene assorbito, ad esempio la Diversione Bilio Pancreatica, dove il cibo viene prontamente eliminato con scariche diarroiche

- Interventi misti: un mix di componente restrittiva (ma no si vomita come nel bendaggio gastrico, ma si mangia poco perche lo stomaco che rimane è molto piccolo!) e non assorbitiva nel senso che se la porzione di intestino bypassata è superiore ai 2 metri si assorbono meno grassi. Esempio di intervento misto è il By Pass Gastrico.

Tipologie di interventi effettuati

Ecco gli interventi eseguiti presso la struttura sanitaria:

  • Pallone Intragastrico;
  • Bendaggio Gastrico;
  • Sleeve Gastrectomy/Gastrectomia Verticale;
  • Bypass Gastrico;
  • Chirurgia del Diabete;
  • Conversione/revisione da altri interventi;
  • Chirurgia laparoscopica avanzata.

Il Post-Operatorio

intervento chirurgico dimagrimento

E' una fase importante quanto l'intervento chirurgico. I migliori risultati a lungo termine si ottengono nelle persone che si fanno seguire regolarmente.

· Nel Bendaggio Gastrico i controlli devono essere più frequenti soprattutto nella fase iniziale: dopo 40 gg, 3 mesi, 6 mesi, 18 mesi, 24 mesi successivamente almeno una volta all'anno. Questa è la frequenza dei controlli se tutto va bene. Se vi sono dei problemi, la frequenza dei controlli è personalizzata.

· Nel By Pas Gastrico possono essere meno frequenti: 3 - 6 -12- mesi, quindi almeno una volta l'anno. Sempre che le cose vadano bene.

Andare bene vuol dire perdere peso regolarmente e non avere complicanze.

I trattamenti medici nel dettaglio

Qui sotto trovate i diversi tipi di intervento effettuati.

Cliccando su ogni immagine scoprirete nel dettaglio tutte le fasi e le caratteristiche principali, che descrivono le prestazioni mediche offerte.

Pallone Intragastrico

Storicamente è stato uno dei primi meccanismi utilizzati per il calo ponderale: ridurre la capacità gastrica e di conseguenza introdurre meno cibo. E’ stato poi abbandonato per le complicanze legate alla scadente tecnologia dei materiali utilizzati. Gli attuali palloni intragastrici sono costruiti con materiali frutto di ricerche approfondite, inerti (silicone rivestito in oro) e scarsamente ulcerogenici. Sono radiologicamente repertabili e sono riempiti con aria o acqua. Sono resistenti all’usura da parte delle secrezioni gastriche (e quindi mantenibili in situ per massimo 6 mesi); il posizionamento e la rimozione avviene per via esclusivamente endoscopica, in sedazione profonda o narcosi.

Il meccanismo d’azione è basato su due momenti: da un lato la presenza nello stomaco di corpo estraneo che occupa spazio, riduce la capacità gastrica, dall’altro la costante occupazione gastrica induce un senso di sazietà (attraverso il nervo vago ai nuclei talamici).

Indispensabile comunque, è associare una dieta appropriata.

I limiti di tale metodica sono legati all’adattamento delle pareti gastriche alla nuova situazione (con una progressiva dilatazione e quindi riduzione degli effetti positivi) e dalle possibili lesioni gastriche legate a fenomeni ischemici da compressione.


Il pallone intragastrico deve comunque essere utilizzato con indicazioni limitate e corrette:

Riduzione parziale di peso in obesità gravi in preparazione ad interventi bariatrici maggiori, per ridurre in parte i rischi chirurgici;
Pazienti con obesità lieve, purché accuratamente selezionati, in cui non vi sono indicazioni alla chirurgia;
“BAG test”, per la valutazione della complicanze dei pazienti nei confronti dei quali vi è il dubbio di una capacità di gestire una successiva chirurgia restrittiva.

Apri la vetrina

Bendaggio Gastrico

È l’intervento restrittivo per eccellenza.

Consiste nel posizionamento di un “anello regolabile” nella parte alta dello stomaco, impedendo in questo modo il passaggio del cibo se deglutito in fretta o in bocconi grossi.

“Costringe” il portatore di bendaggio ad alimentarsi in modo corretto: bocconi piccoli e ben masticati; questo porta ad una ridotta introduzione di calorie.

Le caratteristiche peculiari sono:

Bassa invasività: eseguito in laparoscopia;
Completa reversibilità: non si eseguono sezioni di organi interni;
Pronta ripresa: dimessi un giorno dopo l’intervento, no rischi di fistole.

Apri la vetrina

By Pass Gastrico Laparoscopico

È stato per anni il “gold standard” degli interventi bariatrici eseguiti negli Stati Uniti.

Intervento laparoscopico complesso, ma di estrema efficacia. Come dice lo stesso nome, consiste nel bypassare lo stomaco, il duodeno ed il digiuno; pertanto il cibo non transita più nello stomaco, ma si immette direttamente nell’intestino tenue.


Non è un intervento restrittivo puro, ne un intervento malassorbitivo. Non presenta di conseguenza, le complicanze tipiche del bendaggio gastrico né della diversione bilio-pancreatica. Il suo effetto sul calo ponderale si estrinseca attraverso vari meccanismi:

La capacità gastrica è estremamente ridotta;
Il passaggio diretto del cibo nel tenue determina una sazietà precoce con un effetto simil dumping;
Il mancato transito del cibo nello stomaco riduce l’effetto sull’appetito della Grelina.

Viene proposto ai pazienti con un BMI >45, oppure >40 se in presenza di comorbilità severe.

Apri la vetrina

Chirurgia del Diabete

MediamenTe il 20-25% dei pazienti obesi sottoposti a By Pass Gastrico sono pazienti con diabete di II tipo. Orbene, l’88% di questi pazienti guariva dalla malattia e la restante percentuale migliorava drasticamente il controllo della malattia stessa.

Si è pensato pertanto di trasferire questo intervento sui pazienti non francamente obesi (BMI 30-35), ma diabetici di II tipo con difficile controllo della malattia.

In Italia è partito uno studio sperimentale randomizzato, coordinato dall’Università di Genova, a cui partecipano i centri con le maggiori casistiche e dove lo studio sperimentale è stato approvato dal Comitato Etico Aziendale.

L’Azienda Ospedaliera di Desenzano Partecipa a questo studio*.

I criteri di selezione sono:
• Diabete di II tipo da più di 5 anni
• Emoglobina glicata >8
• Assenza di anticorpi anti insula
• C peptide > 1
• BMI >30 e <35

* Gli altri centri che partecipano allo studio:
- Genova – Ospedale S. Martino
- Pisa - P.O. S. Chiara
- Pordenone – A.O. “S. Maria Degli Angeli”
- Sesto S. Giovanni (MI) – IRCSS Multimedica
- Rozzano – IRCSS Istituto Clinico Humanitas
- Genova – E.O. Ospedale Galliera
- Catania – A.O.Garibaldi
- Termoli (CB) – A.S.R. Molise Ospedale S. Timoteo
- Roma – Chirurgia 2 – P.U. “Agostino Gemelli”

Apri la vetrina

Chirurgia Laparoscopica avanzata

Viene utilizzata nei seguenti casi:
Ernia iatale;
Malattia da reflusso (MRGE);
Ernie inguinali recidive o bilaterali;
Patologie maligne e benigne del colon.

Apri la vetrina

Sleeve Gastrectomy

E’ un intervento a carattere restrittivo, ma irreversibile, eseguito in laparoscopia, in cui si riduce drasticamente la quantità di cibo ingerito a seguito di una tubulizzazione gastrica.

Lo stomaco viene asportato per l’85%.
Nato come intervento preparatorio a successivi interventi, diversione bilio- pancreatica con duodenal-switch o by pass gastrico, ha dimostrato risultati consistenti e persistenti anche dopo anni dall'esecuzione, in quanto all’effetto restrittivo si aggiungono degli effetti ormonali legati alla gastrectomia ( grelina ecc).
E’ diventato pertanto un intervento con una sua identità. Noi lo riserviamo a casi selezionati:
- come primo tempo in BMI molto elevati
- situazioni in cui non è possibile eseguire il by pass gastrico perché lo stomaco deve essere valutato nel tempo
- pregressi interventi sull’ileo
- richiesta specifica del paziente
Apri la vetrina
BELLINI DR. FABRIZIO | 1, Via Monte Croce - 25015 Desenzano Del Garda (BS) - Italia | P.I. 02022620161 | Cell. +39 333 3505405 | vblbe@tin.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy